Pappalardo colpisce ancora!!!

Mio malgrado mi trovo costretto a far presente che varie notizie apparse su Il Mattino, in un articolo a firma di Gennaro Pappalardo, sono errate ed alcune di queste potrebbero creare false aspettative oltre a creare disservizi.

Qui di seguito trovate nella colonna sinistra la libera interpretazione di Gennaro Pappalardo delle notizie diffuse a mezzo volantini, locandine e internet dal Comitato (colonna destra).

In fondo alla pagina ulteriore evidenza delle più importanti informazioni errate (la più importante è quella che ognuno deve portare la propria "merenda"!!!)


dall'articolo apparso su Il Mattino dell'8 aprile 2004 notizie diffuse dal Comitato Organizzatore

… si giunge a Termini, dove alle 11 è prevista la sosta per il caffè e i rifornimenti.
La marcia riprenderà in direzione Punta Campanella, il sito più ricco di bellezze naturali e tesori archeologici: lungo il sentiero intagliato nella roccia dai coloni greci per l'edificazione del tempio di Minerva e utilizzato poi dai romani per la costruzione delle ville di Mitigliano e di Punta Campanella, si potrà ammirare Capri dal «belvedere Rezzale», il «campo Vetavole» e il balcone sulla baia di Mitigliano prima della deviazione verso Punta Campanella.
Poi, all'ombra della torre antisaraceni edificata nel 1332 da Roberto D'Angiò e ricostruita in epoca vicereale dopo l'invasione dei turchi del 1558, è possibile ammirare i resti dell'esedra della villa imperiale di Tiberio, del lastricato della via Minerviae e - per i visitatori più arditi - del graffito sulla roccia con la scritta in lingua osca indicante il confine del promontorio di Minerva.
La Camminata riprenderà con l'ascesa a monte San Costanzo, nella cui pineta è prevista una sosta per la colazione al sacco offerta dal comitato organizzatore.
Dopo la visita (facoltativa) sulla cima del monte della cappella di San Costanzo dove, secondo alcuni storici, doveva trovarsi il tempio di Minerva o forse delle Sirene, la Camminata proseguirà in discesa verso Termini per la seconda sosta prima di ritornare, attraverso le Tore di Casa, Metrano e Monticchio, a piazza San Francesco per il pranzo a prezzo convenzionato.
Una «Camminata bis dei 23 Casali» è intanto prevista, ma con itinerario diverso e ridotto, in occasione della Festa della passeggiata prevista il 25 aprile, in concomitanza della Liberazione».

ore 11.00 partenza verso Punta Campanella lungo il tracciato dell’antica via Minerva

prima di giungere in prossimità della Torre si devia a sinistra per il Belvedere di Rezzale (102m) (~3 km) crinale di Monte San Costanzo (Alta Via dei Monti Lattari), Campo Vetavole (400m),  Belvedere su Mitigliano (450m) ed infine alla Sella di S.Costanzo (~2,5 km) - sosta pranzo nella PINETA di S.COSTANZO (ore 13,30-14,00)

ognuno porta la sua colazione al sacco; acqua e vino saranno offerti dal Comitato

Questa è la parte più spettacolare del percorso: lungo la discesa verso Punta Campanella saremo quasi sempre in vista di Capri e procederemo fra uliveti e arbusti della macchia  mediterranea, molti dei quali in fiore. Circa 300m prima di giungere alla fine della stradina, giriamo a sinistra ed in pochi minuti raggiungiamo il punto panoramico di Rezzale dove ci fermeremo per il tempo necessario per le foto (munitievi di rullini di scorta o batterie di riserva per le digitali). A questo punto inizia la parte impegnativa (ma ne vale la pena); infatti saliremo lungo il crinale seguendo il tracciato dell’Alta Via dei Monti Lattari, passando in poco più di un km dai 102m del belvedere ai 396m del limite di Campo Vetavole con una pendenza media del 30% circa. Qui il sentiero spiana, poi sale dolcemente verso il Belvedere su Mitigliano e quindi raggiunge la strada. Lì troveremo gli amici di Termini che ci avranno portato acqua e vino per il nostro pic-nic (ricordate che ognuno porta i suoi viveri). 

ore 14.00 salita alla CAPPELLA di S.COSTANZO (485m slm) (facoltativa) e poi discesa a TERMINI per una nuova sosta caffè.

pomeriggio: da Termini al S.Francesco (altri 5km per un totale di ~16km + ~700m di dislivello) l‘arrivo a S.Francesco è previsto fra le 16.30 e le 17.00

qui i Camminatori avranno la possibilità di rifocillarsi ancora una volta con casatielli e dolci vari

NOTE:

  • alle 11 si parte da Termini, la sosta caffè si è conclusa

  • i coloni greci potrebbero aver edificato il tempio di Athena, certo non quello di Minerva

  • il Belvedere di Rezzale si affaccia sulla Baia di Jeranto

  • il percorso (come è chiaramente evidenziato sia nel testo sia sulla cartina) non comprende l'ultimo tratto di via Campanella (via Minerva) in quanto "Circa 300m prima di giungere alla fine della stradina, giriamo a sinistra ed in pochi minuti raggiungiamo il punto panoramico di Rezzale". Quindi i partecipanti non arriveranno in prossimità della torre, dei resti archeologici e tantomeno vedranno il "graffito sulla roccia con la scritta in lingua osca"

  • "il balcone sulla baia di Mitigliano" si trova alla fine della salita, quindi su Monte San Costanzo, oltre 2 km dopo la "deviazione verso Punta Campanella" e circa 400m di quota più in alto

  • è specificato molto chiaramente (ripetuto in diversi paragrafi) che "ognuno porta la sua colazione al sacco; acqua e vino saranno offerti dal Comitato"

  • a San Francesco ci sarà "la possibilità di rifocillarsi ancora una volta con casatielli e dolci vari" ma non è previsto nessun "pranzo a prezzo convenzionato".

  • non esiste una Camminata bis, si tratta semplicemente della IX edizione (ogni anno se ne effettuano due, la prima in occasione del Sabato Santo e la seconda il 25 aprile)